Il nido dell'Anatra

"I censori tendono a fare quello che soltanto gli psicotici fanno: confondere l'illusione con la realtà". (David Cronenberg)

Archivio per il giorno “novembre 25, 2007”

DUEL IN THE DARK


 

Gioco curioso questo.

Sembra un wargame leggero, in realtà è qualcosa d’altro. in DITD entrano in gioco in modo sequenziale, la strategia difensiva da parte del tedesco, la rotta del bombardiere (mantenuta segreta fino a quando non viene svelata turno dopo turno), e una buona dose di bluff da parte del giocatore britannico con un uso intelligente e scaltro del Mosquito, ed un altrettanto vivace capacità intuitiva del giocatore tedesco che deve far intercettare alle sue squadriglie di caccia il bombardiere.

In DITD l’azione si focalizza sui raid notturni dei bombardieri britannici in terra teutonica. Il tedesco dal canto suo deve impedire (in questo caso "contenere") di ricevere danni sufficienti alle proprie città.

Il gioco si svolge in "nottate", si decide prima di cominciare quante se ne vogliono giocare e al termine delle quali si decreta vincitore colui che è riuscito ad acquisire un maggior numero di VP (punti vittoria).

Oh dimenticavo, non si usano i dadi, i punti si acquisiscono muovendo i pezzi sulla mappa e sfruttando ogni elemento contenuto in ogni esagono gigante che la compone, questi elementi possono essere il tempo meteorologico (che cambia di nottata in nottata o durante la medesima nottata), banchi di nuvole, nebbia a terra, caccia, mosquito, temporali, palloni, bunker, camion di rifornimenti, pompieri, flak, radar, fumogeni, riflettori… e magari c’è anche qualcos’altro che non mi viene in mente al momento. Ognuno di questi elementi fornisce bonus e malus ad attaccanti e difensori. Poi c’è il fattore luna, piena o crescente, il vento che incide SOLO sui caccia tedeschi e fa consumare più o meno carburante a seconda della direzione.

Il gioco è divertente, veloce (nel senso che dura minimo 30-40 minuti per una notte ad un massimo di quante notti uno vuole giocare).

Ottima grafica, un po’ meno i materiali… il cartoncino è piuttosto "sfaldoso" se mi si passa il neologismo.

DITD è completamernte indipendente dalla lingua se non fosse per il manuale e le due schede di riferimento.

Dimenticavo, il gioco è per due ed è magnificamente giocabile in solitario semplicemente cambiando l’ordine dei turni. Regole per il solitario contenute nel manuale.

Beccatevi ‘ste foto.

cover  pic258515_md

Navigazione articolo

Il nido dell'Anatra

"I censori tendono a fare quello che soltanto gli psicotici fanno: confondere l'illusione con la realtà". (David Cronenberg)

CINEMANOMETRO

recensioni film fantascienza, horror, mostri e amenita varie

Come Non Detto

il blog di Leo Ortolani, che ci teneva tanto, bisogna capirlo

Telefilm, creano dipendenza!

Non costa nulla sognare..

Living Cinema

Electro eyes and drop out visions

cazzochevento

Just another WordPress.com site

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: