Il nido dell'Anatra

"I censori tendono a fare quello che soltanto gli psicotici fanno: confondere l'illusione con la realtà". (David Cronenberg)

Archivio per il giorno “febbraio 7, 2008”

RIFLESSIONI SU UNA DEPOSIZIONE


 

"Quando dico che non ricordo di aver scritto PASTO NUDO naturalmente esagero e non bisogna dimenticare che la memoria è formata di varie aree. La droga è un analgesico, uccide anche la sofferenza e il piacere impliciti nella consapevolezza. Mentre la memoria che un tossicodipendente ha di fatti e avvenimenti può essere molto accurata e dettagliata, la sua memoria emotiva può essere scarsa e, nel caso di una tossicodipendenza grave, vicina al grado affettivo zero.

Quando dico << oggi il virus della droga rappresenta il problema sanitario numero uno nel mondo>> non mi riferisco soltanto ai concreti effetti negativi degli oppiacei sulla salute dell’individuo (che, nei casi di dosaggio controllato, possono essere minimi), ma anche all’isteria che l’uso della droga spesso suscita tra coloro che i mass media e i funzionari della narcotici predispongono a reazioni isteriche.

Negli Stati Uniti il problema della droga nella sua forma attuale cominciò nel 1914 con lo Harrison Narcotics Act, la Legge sui Narcotici. Ora l’isteria antidroga si è diffusa in tutto il mondo e rappresenta ovunque una minaccia mortale per le libertà personali e per la corretta applicazione delle garanzie di legge."

Ottobre 1991

                                                      WILLIAM S. BURROUGHS

 

copertina-libro  William-S-Burroughs

Annunci

THE PUNISHER


 

Ed eccomi qui a dire due parole su di lui. Era tanto che lo volevo fare e adesso lo faccio.

THE PUNISHER. Ci hanno fatto anche il film. Se qualcuno ha visto il film non ha certo torto a definire questo personaggio Marvel come un trito e ritrito nuovo “giustiziere della notte” in cerca di vendetta per lo sterminio della famiglia. Frank Castle nel film è un brav’uomo, un brav’uomo costretto dal suo senso di vendetta e giustizia a rimettere le cose a posto, si sente costretto a riequilibrare la bilancia. Ha dei sentimenti, è vulnerabile come persona, è umano.

Bene ma questo non è il Punitore, questo non è il Frank Castle dei fumetti, non è il Frank Castle di Garth Ennis. Gesù, se per caso dovessi prestare un fumetto del Punitore a qualcuno che ha solo visto il film, probabilmente non si riprenderebbe per il resto della vita. È un’iperbole lo so, ma di sicuro un leggero senso di disagio e un piccolo shock lo avrebbe.

A Castle nel fumetto la famiglia è stata sterminata, Frank ha cercato di rimettere le interiora nella pancia di sua figlia di dieci anni, gli è rimasto parte del cervello del figlio di cinque anni  tra le dita quando ha cercato di soccorrerlo. Frank Castle nel fumetto non è un uomo. È solo vendetta e psicopatia allo stato puro. Il Punitore cartaceo è un personaggio fantastico da scrivere, per la prima volta in un fumetto Marvel, oltre a comparire in modo campale l’avviso di contenuti espliciti all’interno del medesimo, presenta la morte in tutta la sua crudezza. Le armi riducono la gente esattamente come la riducono quando pezzi di quel calibro sparano a bruciapelo. Il Punitore cartaceo non ha nessun briciolo di umanità, non è simpatico, è un uomo di 60 anni che falcia indistintamente chiunque abbia dei conti con la giustizia… il più delle volte dei conti con quello che lui (Castle) intende per giustizia. Si tratta di un personaggio del tutto negativo. Definirlo fascistoide è riduttivo e fuorviante, perché non ci sono implicazioni politiche in quello che fa. Castle è un malato di mente e basta. Un vero e fottuto psicopatico.

Microchip, il simpatico personaggio genio di comunicazioni e computer che per anni e anni aiuta Frank nella sua crociata (l’equivalente di Robin per Batman) verrà trucidato con un colpo a bruciapelo da un fucile a canne mozze in piena faccia proprio da Frank Castle, il Punitore. Assicuro che una scena del genere, un’esecuzione sommaria per un personaggio “storico” come Microchip ha qualcosa di allucinante. Perché Castle lo ha fatto? Beh non erano più sulla stessa lunghezza d’onda. Non ho usato eufemismi di sorta, erano solo e sottolineo solo, dissenzienti sui metodi da utilizzare nella lotta al crimine.

Castle gli ha fatto saltare le cervella.

Questo è il Punitore. Ha molti più punti in comune con Michael Meyers, il folle del film Halloween di quanti non ne abbia con John Rambo.

Poi c’è la mano di Garth Ennis, l’autore, colui che fa muovere questa massa di carne e follia per le strade di New York. Leggere il Punitore è come leggere una sceneggiatura di Quentin Tarantino, forse anche più bravo di Tarantino nello scrivere. Se il linguaggio esplicito disturba, se disturbano situazioni al limite del rappresentabile, se disturba un protagonista senza il minimo senso etico e morale allora consiglio caldamente di starne alla larga.

Se al contrario si è affascinati dai personaggi “malati”, scritti senza ipocrisia di sorta, sfacciatamente violenti e scritti divinamente… beh… machevvelodicoaffare?

Frank 2  Frank

Navigazione articolo

Il nido dell'Anatra

"I censori tendono a fare quello che soltanto gli psicotici fanno: confondere l'illusione con la realtà". (David Cronenberg)

CINEMANOMETRO

recensioni film fantascienza, horror, mostri e amenita varie

Come Non Detto

il blog di Leo Ortolani, che ci teneva tanto, bisogna capirlo

Telefilm, creano dipendenza!

Non costa nulla sognare..

Living Cinema

Electro eyes and drop out visions

cazzochevento

Just another WordPress.com site

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: