Il nido dell'Anatra

"I censori tendono a fare quello che soltanto gli psicotici fanno: confondere l'illusione con la realtà". (David Cronenberg)

ARROSTO DI FILETTO AL PEPE


 
Siccome non mi piace quando scrivono dosi per "n" persone… non scrivo per quanti è la ricetta. Quindi se avete fame e siete sfondati questa è la dose per due. Se siete delle mezzeseghe inappetenti allora è per sei persone.
 
Un filetto di manzo di circa 800 gr.(non lo dovrei dire perché del tutto superfluo… ma il filetto deve provenire da un manzo di razza chianina)
Un bicchiere di vino rosso corposo.
Pepe verde fresco in grani (o al limite quello in salamoia, purché sia sgocciolato benissimo che se rimane il retrogusto di quel troiaio di salamoia i commensali vi tirano il piatto nei denti)
Rametti di rosmarino freschissimo
sale e olio extravergine d’oliva. EXTRAVERGINE, perdìo!
 
Ricetta semplicissima.
Si prende con amore e rispetto il filetto e lo si adagia in una teglia, sempre con rispetto lo si annaffia col vino rosso, e magari con un po’ meno ritegno si aggiungono quattro o cinque cucchiai di pepe (sì sì quello di cui sopra non altro, su). Infine, qualche rametto di rosmarino freschissimo. Quando dico freschissimo non intendo quello secco nei vasetti, né quello che pensate che sia freschissimo e sembra invece uscito da Fallout 3.
Ora, cosa manca in tutto ciò?
Il SALE!
Bene il sale non si mette a questo punto della preparazione altrimenti causa la fuoriuscita dei succhi della povera bestia. Poi la ciccia diventa poco saporita, stopposa, non al sangue e finite all’inferno.
 
Dopo aver marinato il filetto succulento per un paio d’ore lo si inforna a 180/200 gradi per mezzora/quaranta minuti.
Ora cosa manca in tutto ciò?
Sempre IL SALE!
Bravi vi vedo attenti. Dopo una decina di minuti in forno, e dopo che la carne avrà cominciato a cuocere e a trattenere tutti i propri succhi (leggi il sangue grondante), la si può salare. Col sale grosso ovviamente. Dev’essere sale buono, buonissimo… ottimo.
La cottura dipende dai cristi che mangiano. Dalle mie parti quando si mangiano le mucche fanno ancora "muuuuu"… quindi regolatevi. Mezzora/quaranta minuti per una cottura al sangue (tipo Roast Beef). Venti minuti per la cottura "MUUUUUU".
Servire tiepido o a temperatura ambiente, tagliato a mano non troppo sottile. Mettere nel piatto due fette di filetto, un rametto di rosmarino, una bella manciata di pepe (quello cotto con l’arrosto ovviamente, su) e dell’olio extravergine d’oliva nuovo e di frantoio a crudo.
 
Buon appetito.
Alla faccia dei vegetariani.
 
MUUUUUUU…

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Il nido dell'Anatra

"I censori tendono a fare quello che soltanto gli psicotici fanno: confondere l'illusione con la realtà". (David Cronenberg)

CINEMANOMETRO

recensioni film fantascienza, horror, mostri e amenita varie

Come Non Detto

il blog di Leo Ortolani, che ci teneva tanto, bisogna capirlo

Telefilm, creano dipendenza!

Non costa nulla sognare..

Living Cinema

Electro eyes and drop out visions

cazzochevento

Just another WordPress.com site

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: