Il nido dell'Anatra

"I censori tendono a fare quello che soltanto gli psicotici fanno: confondere l'illusione con la realtà". (David Cronenberg)

Archivio per il giorno “febbraio 18, 2013”

THE CALL OF CTHULHU


Film curioso, e perlomeno fedele agli scritti del Solitario di Providence.

Si tratta di un film del 2005 di Andrew Leman in bianco e nero e muto.

Il regista ha già lavorato in produzioni ad alto budget come ad esempio Le Verità Nascoste, tanto per citarne uno, come graphic designer di oggetti di scena (!). The Call of Cthulhu è girato come se fosse una pellicola degli anni venti, e con effetti speciali realizzati in stop motion. Per quanto mi riguarda bersaglio centrato.

Si contano sulle dita di una mano (di un alieno di Welles de La Guerra dei Mondi) i film tratti da racconti di Lovecraft degni di nota. Poi ci sono quelli di chiara ispirazione lovecraftiana come Il Seme della Follia di Carpenter (capolavoro), ma è un’altra storia o i tre film di Fulci sull’inferno (da vedere e rivedere) e From Beyond di Gordon… beh molta della filmografia di Gordon è lovecraftiana.

Ho avuto modo più volte di dire quanto come scrittore, la prosa di HPL mi stia indigesta e almeno altrettante volte quanto invece le sue intuizioni le sue invenzioni e il suo pantheon mistico religioso fantascientifico e orrorifico siano geniali.

Il film in questione riesce quasi a ricreare il disagio che provo nel leggere Lovecraft, disagio in senso letterario, e il maestoso orrore che silenzioso attende da eoni.

Il film è breve, poco più di un telefilm lungo esattamente come il racconto che è poco meno di un romanzo breve.

Mi sento di consigliarlo agli amanti di Lovecraft, e di vederlo a tutti gli altri, perché al momento se si esclude l’altra produzione della HPLHS The Whisperer in the Darkness (di cui qualcosa scriverò appena ho tempo) solo Stuart Gordon col suo Dagon è riuscito, con tutt’altro che un film perfetto, a ricreare alcune delle atmosfere,  e degli ambienti, “visti” nei racconti dello scrittore americano, mentre sul versante nostrano va tenuto assolutamente d’occhio Ivan Zuccon.

Immagine

Annunci

CHE FINE HA FATTO BABY JANE?


Siccome sono sempre l’ultimo a sapere le cose, mi è stato fatto notare che è uscito un certo film in bluray: CHE FINE HA FATTO BABY JANE?.

Ora non vorrei sperticarmi in lodi su questa pellicola, perché è interpretata da due giganti del cinema hollywoodiano una delle quali è la mia attrice preferita in assoluto (Bette Davis), perché ha un bianco e nero da urlo, perché è un noir con delle virate verso l’horror magistrali, e perché secondo me è un capolavoro totale globale (grazie Aldrich), ma vista l’edizione in questione, non può mancare.

Jessica, maremmamaialacciacane! Eh? Un dito! Mi basterebbe in micragnoso dito della Davis e ti incenserei vita natural durante. E invece nulla. Ti metti a fare porcherie… vabbè basta che mi viene il magone.

Comunque, questa chicca c’è, è in blueray, una bellissima edizione e il film è da vedere, o rivedere se lo si è già visto, o ri-rivedere se lo si è rivisto…

E posso andare avanti ancora.

Ma mi fermo.

Immagine

Navigazione articolo

Il nido dell'Anatra

"I censori tendono a fare quello che soltanto gli psicotici fanno: confondere l'illusione con la realtà". (David Cronenberg)

CINEMANOMETRO

recensioni film fantascienza, horror, mostri e amenita varie

Come Non Detto

il blog di Leo Ortolani, che ci teneva tanto, bisogna capirlo

Telefilm, creano dipendenza!

Non costa nulla sognare..

Living Cinema

Electro eyes and drop out visions

cazzochevento

Just another WordPress.com site

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: