Il nido dell'Anatra

"I censori tendono a fare quello che soltanto gli psicotici fanno: confondere l'illusione con la realtà". (David Cronenberg)

Archivio per il tag “Moebius”

PROMETHEUS


Ridley Scott ci ha abituati ad una cosa in questi ultimi 15 anni: ci ha rifilato sòle. Anzi parlo per me: MI ha rifilato sòle. Ne ricordo alcune: Soldato Jane, Il Gladiatore, Le Crociate, Robin Hood, Hannibal…

Pensavo, speravo, che con Prometheus le cose potessero volgere al meglio e invece…

Ma andiamo con ordine, parliamo delle dipartite: Dan O’Bannon se n’è andato, e siamo tristi in parecchi, parlo di quelli che leggevano fumetti negli anni 70 e 80 e acquistavano con immensa gioia la rivista francese Metal Hurlànt e che di Alien ne è stato co-autore. Se né andato più recentemente anche Moebius, al secolo Jean Giraud, che della suddetta rivista ne è stato anche co-fondatore e di Alien è stato uno dei concept artist, assieme a HR Giger e a Ron Cobb. Ci fossero stati avrebbero migliorato un film come Prometheus? Non lo so, forse O’Bannon qualcosa da dire ce la avrebbe avuta.

Visivamente il film fa la sua porca figura, dove sbarella secondo me è proprio nella trama, nel modo di raccontarla e in quelle cose che qua e là sembrano, o almeno io ho avuto l’impressione che fossero, buchi di sceneggiatura. Non ci metto la mano sul fuoco essendo Prometheus un primo capitolo di una (forse) trilogia ed avendo come sceneggiature Damon Lindelof (autore di Lost).

Ci sono cose nel film che proprio non mi sono andate giù, cose senza alcun senso logico, e senza il “plausibile”, pur rimanendo nella fantascienza.

Il film è condito qua e là da “spiegoni”, cosa fastidiosissima per l’intelligenza dello spettatore, ci si sente dei cretini davanti agli spiegoni… o forse sono gli autori che non sapendo come raccontare le cose facendotele intuire te le spiattellano davanti. Ma mi pare strano, voglio dire, Lindelof con Lost ha fatto proprio l’operazione contraria.

E vabbè, sorvoliamo sugli spiegoni… sorvolo anche sul fatto che una persona si opera da sola e che appena messo i punti si comporta come Ellen Ripley in Aliens? Sorvolo anche sul fatto che un bacherozzo alieno chiuso in una camera stagna dopo qualche ora diventa grosso come un Grande Antico di Lovecraft senza nutrirsi di nulla? Vogliamo parlare dei dialoghi? Vogliamo davvero parlare dei dialoghi dei piloti del Prometheus che fanno gli eroi sul finale del film?

Si salva qualcosa? Sì, Michael Fassbender, che non fa rimpiangere né Ian Holm né Lance Henriksen, ma che da solo non basta per salvare un film nato e concepito male.

Uscendo un attimo dall’argomento del post, ultimamente vivo un certo disagio per l’appiattimento di trame e sceneggiature cinematografiche, mi trovo sempre più spesso a seguire serie tv con maggior interesse, per un motivo molto semplice, il più delle volte sono scritte meglio e i personaggi hanno un maggiore spessore. Va anche detto che è pure più facile realizzare tutto ciò con una serie televisiva, si ha più tempo che al cinema.

James Ballard, che per me è il Dio in terra (anzi sottoterra adesso… so che apprezzerebbe la greve battuta), del racconto come forma narrativa direbbe che è più difficile scrive un buon racconto che una romanzo capolavoro.

Nei film ci vuole più impegno nella scrittura, ci vuole più impegno da parte degli attori e dei registi. Non si può delegare tutto al fatto che “ma sì tanto è una trilogia, c’è tempo”. Col cazzo. Peter Jackson da quando ha sentito il profumo dei soldi non capisce più nulla, sta facendo una trilogia pompata all’inverosimile su di un romanzetto per bambini quale Lo Hobbit. Sono 400 pagine scarse, come fanno a diventare quasi 9 ore di film? Sono finiti i bei tempi di Bad Taste o Brain Dead per Jackson… e anche per me a quanto pare.

Poi ci sono i Transformers, c’è Battleship, ci sono quei film militaristi tipo Battaglia per Los Angeles o come cazzo si intitola, che non sono un cazzo di nulla, sono cose senza trama, senza personaggi, piene zeppe di bimbominkismo.

Nessuno ha idea di quanta nostalgia io abbia di autori come John Carpenter o George Romero, quando dicevano cose interessanti veicolando pensieri, politica e sociale attraverso il genere. Questa gente manca, mancano gli autori, le teste pensanti che con due centesimi erano in grado di farti pensare un po’ anche vedendo zombie o alieni piduisti (si penso ad Essi Vivono! di Carpenter).

Bene – anzi male – fine sfogo.

Prometheus è una merda di film e ho perso due ore della mia inutile vita vedendolo.

Immagine,

D U N E: il sogno irrealizzato di Alejandro Jodorowsky


E c’è poco da fare, fosse risucito a realizzarlo questo benedetto film, avrebbe fatto diventare la trilogia dell’Anello poco più di un cortometraggio (oltre le 16 ore… per un singolo film… così narra la leggenda), avrebbe segnato il cinema di fantascienza e degli effetti speciali come e più di Guerre Stellari, avrebbe avuto la profondità di 2001 Odissea nello spazio, ma che dico? “2001” sarebbe sembrato Buck Rogers, e tutti si sarebbero ricordati della colonna sonora dei Pink Floyd, degli Harkonnen realizzati dal genio visionario di HR Giger, dallo sfarzo cromatico degli Atreides visti con gli occhi di Moebius e dei Corrino e della Gilda Spaziale dal punto di vista di Chris Foss. E come poter dimenticare Padisha Shaddam IV seduto su di un cesso a forma di trono (o era il contrario) interpretato da Salvador Dalì? O il Barone Vladimir Harkonnen col volto di Orson Welles?

Ecco cosa ci siamo persi, ecco cosa dei produttori con poche palle hanno alla fine rifiutato a progetto quasi ultimato. E cosa ci rimane di tutto questo? Nulla. O perlomeno, tutti, nessuno escluso, hanno finito per lavorare ad altri progetti, tanto per non far nomi: Star Wars, Alien, Dune (quello di Lynch, che riprende almeno in parte l’aspetto estetico… ma solo in piccola parte).

Alejandro Jodorowsky è un personaggio indefinibile perché è tutto quanto uno possa essere. E quando dico tutto intendo proprio tutto. E questo suo “tutto” essere “panico” finisce inevitabilmente in progetti che ogni volta pur essendo diversi per intenzioni e fini, racchiudono “tutto”.

Opera Panica, Cabaret Mystique, La Montagna Sacra, Psicomagia, L’incal. Sono rispettivamente un opera teatrale, un happening a base di tarocchi, un film culto, una forma di psicoterapia basata sulla rappresentazione, un fumetto. Ogni singola forma espressiva appena menzionata contiene tutte le altre, L’incal, il fumetto si fonda tutto sulla lettura e l’interpretazione dei tarocchi, sulla psicanalisi e su… DUNE.

E rieccomi infine ancora a DUNE, al romanzo di Herbert che per molti versi sarebbe difficilissimo portare su pellicola proprio per la struttura stessa del romanzo, del modo di raccontare la storia. Lynch è stato fedele in questo senso nel voler inserire le voci fuori campo dei personaggi principali che fungono da pensieri sensazioni e riflessioni che giungono in quel preciso istante in cui l’azione si svolge. Quindi non sono didascalici, ma hanno una vera e propria funzione narrativa ed introspettiva.

Tutto ciò rallenta inevitabilmente il ritmo, ma è così che dev’essere. L’opera di Herbert (la cui prosa può piacere o meno… non è certo raffinata, ma racconta le cose in modo originale e gliene va dato atto) incede lenta e ineluttabile.

Jodo (lo chiamo Jodo non perché lo conosca ma perché tra noi gente fumettara, è quasi un nonno e gli vogliamo tutti bene) aveva colto il profondo misticismo di tutta l’opera di Herbert. Per molti DUNE è un trattato d’ecologia, si fonda tutto sulla salvaguardia di un ecosistema totalmente alieno (solo per come intendiamo noi gli ecosistemi “vivibili”… ma i touareg avrebbero parecchio da dire a riguardo). Jodo avrebbe approfondito, stando a quanto ha riferito in seguito nelle molte interviste rilasciate in tutti questi anni, il lato psicanalitico della vicenda. Lo spiccato e palese simbolismo dei vari personaggi, la religione, e il rapporto di un’intera galassia con un unico essere in grado di sentire, vivere, e pensare con le menti di tutti quelli che hanno vissuto prima di lui, aveva aperto un mondo incredibilmente vasto di possibilità per il regista che anni prima aveva diretto un film come LA MONTAGNA SACRA… per certi versi una sorta di anticipazione di DUNE secondo alcuni.

Ma così non è stato, il film non venne mai realizzato, e rimangono solo meravigliose illustrazioni oniriche ed inquietanti di HR Giger sugli Harkonnen, molti schizzi preparatori di Moebius e poco altro per quanto concerne il lato visivo.

Molte delle idee, delle intuizioni di Jodo finirono comunque in un capolavoro degli anni 80 realizzato assime a Moebius, quel fumetto che è ormai conosciuto come “la saga de L’INCAL”. Fumetto di una profondità e di una lucidità intellettuale raramente riscontrabile in questo medium (MAUS escluso), con molteplici livelli di lettura che si incastrano e si nascondono gli uni dentro agli altri come una sorta di “racconto matrioska”, in cui il segreto che racchiude il fumetto e che alla fine non viene svelato è in realtà svelato prima che la domanda venga posta.

Questo è Alejandro Jodorowsky signori… felice di essere suo contemporaneo.

atreide1baron2Bene Gesseritfeydfoss%2BespeciagesseritGiger's HarkonnenGilda-Fossharko4harko6harko8Jodorowskys_DunekynesbigPianeta Kaitain-Fosspiratepiterrabbansardaukarsardaukar2

TUTTE le immagini sono COPYRIGHT dei rispettivi autori: JEAN GIRAUD (MOEBIUS), H.R. GIGER, CHRIS FOSS

Navigazione articolo

Il nido dell'Anatra

"I censori tendono a fare quello che soltanto gli psicotici fanno: confondere l'illusione con la realtà". (David Cronenberg)

CINEMANOMETRO

recensioni film fantascienza, horror, mostri e amenita varie

Come Non Detto

il blog di Leo Ortolani, che ci teneva tanto, bisogna capirlo

Telefilm, creano dipendenza!

Non costa nulla sognare..

Living Cinema

Electro eyes and drop out visions

cazzochevento

Just another WordPress.com site

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: