Il nido dell'Anatra

"I censori tendono a fare quello che soltanto gli psicotici fanno: confondere l'illusione con la realtà". (David Cronenberg)

Archivio per il tag “Twin Peaks”

SLAP SHOT – COLPO SECCO


Vidi questo film per la prima volta quasi trentanni fa, da pischello, e la cosa la dice lunga sulla veneranda età dell’anatroccolo di gomma… Ricordo che quella volta mi divertii come un folle. Ho rivisto recentemente la pellicola in dvd perché me lo sono finalmente comperato e la sensazione è stata con mia immensa gioia e sorpresa la stessa: divertimento puro.

SLAP SHOT è un film sull’hockey, un film sportivo, quindi uno di quei film che piacciono tanto agli americani. Ma è tutt’altro che celebrativo, i Chiefs, la squadra protagonista del film, sono una manica di scalcinati, scurrili e bifolchi giocatori che viene allenata e contemporaneamente capitanata dal vecchio giocatore Paul Newman. Uno strepitoso Paul Newman, che per l’occasione vede rinsaldarsi il connubio con il regista de La Stangata e Butch Cassidy, George Roy Hill.

È una commedia virile, su un gruppo di perdenti, dentro e fuori dei pala ghiacci, che cerca il riscatto vincendo il campionato (!?), ma qui la cosa si fa comica.

Con lo svolgersi della storia verranno assunti tre fratelli, gli Henson nel ruolo di goon, che sarebbero praticamente come “ruolo”, dei caterpillar che rispondono alla violenza del gioco con l’ultraviolenza. Gli Henson sono ormai delle icone (la McFarlane Toys ne ha realizzato delle action figures strepitose). I tre fratelli in questione hanno il cervello di dodicenni, li vediamo giocare con le macchinine, con le piste delle macchinine, e la brutalità di Conan il Barbaro quando sono sui pattini sul ghiaccio.

Lo scopo dei Chiefs, diventerà alla fine distruggere lo sfasciabile, trasformare ogni partita in una rissa da bar violentissima, il ghiaccio diventerà rosso sangue, e il pubblico griderà ed inciterà la squadra come fossero dei novelli gladiatori nell’arena.

Detta così appare come un film violentissimo, ma posso assicurare che è una commedia, magari cattiva, a tratti sarcastica, ma una commedia. Si ride di gusto nonostante i massacri, i fratelli Henson che sembrano tre Benigni prima maniera (TeleVacca e Cioni Mario per intendersi) dal punto di vista estetico, sono fenomenali, e sono stati autentici giocatori di hockey.

Paul Newman, anche stavolta ci regala un personaggio carismatico, un figlio di puttana come pochi se ne vedono in giro, privo del benché minimo rimorso di coscienza, è il pragmatismo fatto persona.

Nel cast compaiono anche una giovanissima, ed incredibilmente carina Lindsay Crouse e un Michael Ontkean prima di diventare lo Sceriffo Harry Truman in quel di Twin Peaks.

Mi scuso in anticipo, per quanto poco utile e seria sia questa mia cosa, ma questo è uno di quei film che non cederei mai a nessuno, uno di quei film che mi divertono partendo dalle budella, mi ritrovo col mal di stomaco e i crampi ai muscoli facciali.

Quando uscì venne naturalmente snobbato dalla critica, quella stessa critica che recentemente lo annovera tra le commedie più riuscite di tutti i tempi e uno dei migliori film sportivi.

Il mio consiglio spassionato è di vederlo, possibilmente con una birra ghiacciata in una mano e un secchio di pop corn nell’altra, magari in compagnia.

Altro che Ogni Maledetta Domenica…

 

PS Stare assolutamente alla larga dai due sequel… anzi facciamo tutti finta che non esistano!

Immagine

Immagine

Annunci

TORNIAMO TRA I PICCHI GEMELLI?


Il più bel rumor del 2013 per adesso è questo: l’Agente Cooper forse non ha ancora finito di dire la sua.

Sì a quanto pare David Lynch sta preparando il ritorno in scena dopo oltre venti anni di Twin Peaks. E no, non è un reboot, sarà proprio la terza stagione di Twin Peaks, A quanto pare ci sarà il cast di attori e autori al completo, esclusi coloro i quali non ci sono più e penso a Frank Silva (e mi chiedo come si farà senza la faccia di Bob) e Jack Nance… onestamente non ricordo se manca anche qualcun altro all’appello tra i viventi.

Lynch a quanto pare avrà carta bianca e potrà dar sfogo a tutta la sua onirica follia.

Magari a qualcuno non fregherà nulla, ma a me, che sono tra quelli che sono rimasti inghiottiti nella Loggia Nera e nella stanza dalle tende rosse, la cosa fa venire più di qualche brivido lungo la schiena.

Incrocio le dita.

twin-peaks

TWIN PEAKS


Preso da un forte sentimento nostalgico recentemente mi sono rivisto, e tutto d’un fiato, Twin Peaks.
La serie in questione ha due meriti: quello di non lasciare nessuno indifferente, è amata ed altrettanto odiata, ed è di David Lynch, la sua mano si sente… pesantissima. È presente, sia come sceneggiatore, come regista e come… attore!
È odiata per due motivi, per l’assoluto ermetismo di molti episodi, e perché è ancora considerata una serie “tronca”, anche se personalmente dissento.
Mi sento inoltre di dire, sempre come introduzione che Twin Peaks è importante per due motivi: ha rivoluzionato il concetto di serie televisiva e onestamente, a tutt’oggi rimane a parer mio ancora insuperata ed è servita come trampolino di lancio per tutte le serie cult che le sono succedute a cominciare da X-Files fino a terminare in ordine di tempo con Lost.
C’è un’ ultima cosa che ancora non ho detto, anzi sono due: la prima è che nascosto nei sogni e negli incubi mostrati ai vari personaggi c’è la soluzione a tutto, la seconda cosa è che la serie è incentrata sul “doppio”. Sì, proprio così, il numero 2 è l’essenza stessa di Twin Peaks, a cominciare dal titolo.
Ma si era capito?
Ma andiamo con ordine, in Twin Peaks convivono allegramente la soap opera, la commedia grottesca, l’orrore, la fantascienza e il mistero. Certo in molte serie in effetti ritroviamo queste caratteristiche, ma Twin Peaks ha del miracoloso, tutte queste caratteristiche le troviamo in un episodio solo, non uno in particolare… uno preso a caso durante tutte e due le stagioni. Nello stesso episodio riuscivano a convivere tanti di quei generi da stordire chiunque. Si rideva con le lacrime agli occhi un attimo, e un attimo dopo si veniva scossi da puro terrore, si parlava di omicidi seriali e di chi fosse realmente figlia Donna o perché Ed non trovasse il coraggio a quattromani e dicesse a Nadine che aveva sempre amato Norma… ah già non lo diceva perché Nadine era folle e con una forza sovrumana.
Su tutto una domanda: chi ha ucciso Laura Palmer? Sì ma chi era Bob? Chi era Mike, lo spirito che albergava nell’uomo senza un braccio, la signora del ceppo che vedeva e sentiva tutto (il ceppo intendo) cos’erano la Loggia Bianca e la Loggia Nera? Chi era il gigante? Chi era il nano vestito di rosso nella stanza rossa che parlava al contrario? Perché i gufi non sono quello che sembrano? Perché Windom Earle cerca di entrare nella Loggia Nera? Perché è importante la congiunzione di due pianeti? Perché quando Jocie Packard è morta pesava solo veninove chili? E perché le maniglie dei comodini racchiudono le anime? Troppe domande? Ma ce ne sono altre molte altre a cui si pensa che non venga mai data risposta durante tutta la serie, ma come diceva Fox Mulder (che in Twin Peaks interpreta un agente FBI travestito) “La verità è la fuori” e mai come in questo caso è vero… ma è vero anche che la verità è DENTRO. E riecco il doppio, la duplicità di tutte le cose che sono e accadono in questa strana cittadina. In Twin Peaks pare di essere fuori dal tempo, sospesi in uno strano periodo storico che somiglia agli anni 50 dei “Peccatori di Peyton Place”. Non vediamo mai mangiare nessuno che non sia una torta, delle ciambelle o una tazza di caffè nero. Non vediamo mai un computer, o nemmeno uno dei primi cellulari che tanto andavano di moda tra gli yuppies. Non compare tecnologia. Twin Peaks è fatto di sogni e di segreti celati o sussurrati.
Poi c’è Bob, una delle cose più terrificanti che mi siano state date da vedere. Più terrificante di Pazuzu che viola Regan O’Neill, Freddy Krueger a confronto è il grande puffo, Alien solo una noiosa blatta. Bob è terrore puro, il male ancestrale, il corruttore, l’assassino.
Poi c’è la musica di Angelo Badalamenti, presente continuamente, incessantemente, ipnotica lenta e perfetta. E senza volerlo da subito uno dei messaggi criptici del gigante assume un doppio significato: “C’è sempre tanta musica nell’aria”. Già tanta musica che si lega alla storia della serie e alla realizzazione della serie stessa.
Twin Peaks è una serie conclusa, il finale “aperto” è in realtà chiuso. Tutta la vicenda è un cerchio.
Lynch ha dato un prequel alla serie al cinema “Twin Peaks: Fuoco cammina con me”. Film che è stato criticato da chiunque, da chi la serie non la aveva mai vista, per cui il film è risultato del tutto incomprensibile, sia da chi la serie l’aveva seguita ed amata, per cui il film non svelava più alcun mistero. In effetti il film è rivelatore in altri sensi. Sconsiglio chiunque di vederlo prima di aver visto la serie televisiva, altrimenti scoprirà CHI ha ucciso Laura Palmer. “Fuoco cammina con me” mostra in tutta la sua crudezza (il finale è crudissimo e allucinatorio) COME si sono svolti i fatti.
Anni dopo Lynch sentì il bisogno di raccontare un’altra storia un altro prequel a Twin Peaks, ma stavolta ambientato a Los Angeles. La nuova serie avrebbe dovuto mostrare il viaggio verso le origini del male di Diane (la tanto citata Diane dall’Agente Cooper, protagonista di Twin Peaks). Lynch realizzò il pilota, ma i produttori si spaventarono di questa “cosa” tanto fuori dal mondo, cosicché dissero “picche”.
Lynch non si perse d’animo, allungò il pilota di un’ora, ne fece un film per il cinema e vinse l’orso d’oro al festival del cinema di Berlino. Il film in questione è “Mulholland Drive”. Purtroppo tutti i riferimenti a Twin Peaks si sono persi… ma non tutti…
Qualcuno ha per caso visto una stanza con delle tende rosse?

C’è un uomo che non può vivere senza le sue medicine
I gufi non sono quello che sembrano
Le gomme che ti piacevano da bambino stanno ritornando di moda.
Sta accadendo di nuovo

Bob… Bob è qui… ti va di giocare col fuoco?
Fuoco cammina con me

bob e cooperbobCooperlauraredowlred_room_B_strobo_BOB_off

Navigazione articolo

Il nido dell'Anatra

"I censori tendono a fare quello che soltanto gli psicotici fanno: confondere l'illusione con la realtà". (David Cronenberg)

CINEMANOMETRO

recensioni film fantascienza, horror, mostri e amenita varie

Come Non Detto

il blog di Leo Ortolani, che ci teneva tanto, bisogna capirlo

Telefilm, creano dipendenza!

Non costa nulla sognare..

Living Cinema

Electro eyes and drop out visions

cazzochevento

Just another WordPress.com site

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: